GARCIA LORCA’s ARROW.

“A golden arrow, with no target, on the wind.”                                                 Few Garcia Lorca’s verses. His arrow to follow a direction. Which one?      Derrida offers a clue: “We now comprehend better the equivalence between free and vague. Vague is an indefinite thing (…). Vague is a movement without purpose, not without any purpose, but without its purpose. The ‘vague beauty’ is the sole that can generate the predication of pure beauty, she’s an indefinite wandering, without limits, that moves towards her orient, but still separates from it, however not absolutely deprived of it. Beauty never gets ashore her destination”. The French philosopher is talking about beauty, it’s clear. Nevertheless, we could think of the arrow and its “indefinite wandering” as a crossing, as a research, as questions about and to art objects and happenings. Why not?                                                                                                                                       More Soon

_______________________________

LA FRECCIA DI GARCIA LORCA

“Una freccia d’oro,senza bersaglio, sul vento.”                                Alcuni versi di Garcia Lorca. La sua freccia per prendere una direzione.               Quale? Un indizio ci viene da Derrida: “Ora comprendiamo meglio l’equivalenza di libera e di vaga. Vaga è la cosa indefinita (…). Vago è un movimento senza scopo, non senza alcuno scopo, ma senza il suo scopo. La bellezza vaga, l’unica che possa dar luogo a una predicazione di pura bellezza, è un’erranza indefinita, senza limite, che si protende verso il suo oriente, ma che si stacca da esso, più che privarsene in modo assoluto. Essa non approda alla propria destinazione”. Il filosofo francese parla della bellezza, è chiaro. Tuttavia, perché non pensare alla freccia e alla sua “erranza indefinita” come a quell’attraversamento che è la ricerca, l’interrogazione delle oggetti e degli eventi artistici?

E non solo.

Advertisements